Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_algeri

Storia

 

Storia
L’Istituto è stato fondato nel 1963, immediatamente dopo la proclamazione dell’indipendenza dell’Algeria e, dalla sua fondazione non ha mai interrotto la sua attività.

Dall’ottobre del 1994 al gennaio del 1999, a causa dei tragici eventi che hanno interessato il Paese, l’Istituto si è visto costretto a ridurre le manifestazioni esterne ed ha concentrato le proprie attività sui servizi essenziali. Nonostante tutto, ha mantenuto le sue porte aperte a tutti coloro che desideravano imparare la lingua italiana e, quindi, i corsi di lingua non si sono mai interrotti.

L’attività normale ha potuto riprendere solo nel 1999. Da quella data, l’Istituto ha ricominciato a riproporre al pubblico di Algeri varie manifestazioni culturali: conferenze, esposizioni artistiche, mostre fotografiche di carattere storico, rassegne cinematografiche, concerti di vario genere, spettacoli di danza nelle più prestigiose sedi della città in collaborazione con le principali istituzioni culturali. Attualmente l’Istituto è situato nel quartiere di El Biar, sulle alture di Algeri, non distante dall’Ambasciata d’Italia e continua a caratterizzarsi in città, grazie ai corsi di lingua e alla sua biblioteca, per essere uno spazio culturale aperto a tutti coloro che lo desiderano.

Anche le manifestazioni che l’Istituto propone al pubblico della capitale algerina possono contare sull’attenzione di un pubblico fedele La rassegna cinematografica della «Settimana della lingua italiana nel Mondo», la «Saison culturelle italienne», la participation au «Festival Culturel Européen» sono ormai per il pubblico della capitale degli appuntamenti fissi.

I Direttori che si sono alternati presso l’IIC di Algeri sono:
 
Giovanni Battaglia
Renzo Milani
Nunzio Pascarella
Domenico Ghio
Diego Grilli
Silvio Giachino
Ciro Coppola
Ennio Bispuri
Nicola Tommasso Firmani
Giorgio Guerrini
Mario Paolini
Maria Concetta Battaglia
Uberto Malizia, addetto reggente
Maria Concetta Battaglia

36