Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_algeri

12° Festival Culturale Europeo in Algeria

Data:

21/05/2011


12° Festival Culturale Europeo in Algeria

Balletto del Sud

Sherazade e le Mille e una notte

"Sheherazade" Balletto in un atto e quattro scene Coreografia, testo, scene e costumi di Fredy Franzutti Musica di Nicolai Rimskij-Korsakov Realizzazione delle scenografie di Francesco Palma. La mitica Persia ricca di ori e magia delle "Mille e una notte" è evocata, nel “favoloso” spettacolo, attraverso le scene e i quadri creati da Fredy Franzutti, oggi uno dei più apprezzati coreografi del panorama nazionale. L’esotismo di Sheherazade è inteso non solo come fascino per un generico “altrove”, ma specificamente come ammirazione per il lusso e la lussuria dell'oriente lontano e dei popoli del mare. Lo spettacolo ci permette di godere di situazioni favolistiche che sono entrate nel patrimonio collettivo di noi europei attraverso il francese Antoine Galland, che, nel 1704, traduce nella sua lingua madre la raccolta di novelle orientali per farne dono alla marchesa d'O contribuendo così alla sua divulgazione nel mondo occidentale. Tutti conosciamo l’argomento delle fiabe: il Sultano uccide le sue mogli dopo la prima notte di nozze, per evitare di essere tradito. La bella Sheherazade rimanda la sua esecuzione grazie alle sue doti di narratrice, e incanta il Sultano con racconti fantasiosi e avvincenti intrecciandoli fascinosamente. Nella speziata partitura di Nikolaij Rimsky-Korsakov (suite sinfonica composta nel 1888), un tema musicale ricorrente rappresenta la narrazione di Sheherazade. Lo stesso Rimskij-Korsakov ha dato alcune indicazioni circa le fiabe cui si era ispirato. Il primo quadro si riferisce ai viaggi di Sinibad il Marinaio, il quale vide isole fantastiche ed ebbe avventure rese celebri anche da un ciclo di films. E come non pensare alla multicolore giovinezza di Rimskij-Korsakov stesso, marinaio, giramondo, dilettante di sensazioni, generico cultore di orientalismi e di nazionalismo sonoro…(Bortolotto). Il secondo quadro è ispirato alle vicende del Principe Kalandar, che corrispondono alla storia di Aladino e della sua lampada magica. Il terzo quadro, “Il giovane Corsaro e la giovane principessa”, è una scena d’amore. E il quarto, “Festa a Baghdad”, si conclude con una grande esplosione di colori e di danze e con un naufragio (sul tema del primo quadro); infine Sheherazade torna, con il suo tema fascinante, a chiudere il ciclo di fiabe, ignara e incolpevole, fonte di tanto kitsch orientale. Lo spettacolo ha riscosso, fin dalle prime rappresentazioni del 2003, grande successo di pubblico e critica ed ha replicato nei più importanti festival e teatri italiani. In questa recente versione del 2010 Franzutti cura anche la parte narrativa reinventando alcune fiabe de "Le mille e una notte" (quelle citate da Rimsky-korsakov) che, lette dall'attore Andrea Sirianni, introducono i quattro quadri. Nel ruolo della regina Thalassa danza una stella del balletto internazionale: Luciana Savignano.

Informazioni

Data: Sab 21 Mag 2011

Orario: Alle 19:00

Organizzato da : IIC Algeri e la Delegazione dell'Unione Europea

In collaborazione con : -

Ingresso : Libero


Luogo:

Sala Ibn-Zeydoun presso l'Office Riadh El Feth - Algeri

273