Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_algeri

Leonardo De Angelis

Data:

24/11/2008


Leonardo De Angelis

Concerto di chitarra classica

V Stagione culturale italiana

Leonardo De Angelis concertista di fama mondiale, compositore, docente di Chitarra al Conservatorio di Perugia, direttore di Master in Accademie internazionali, presenta un concerto di rilevante spessore artistico, con un programma che comprende brani tra i più impegnativi del proprio repertorio solistico strumentale, sia per virtuosismo tecnico che per intensità emotiva. La prima parte del programma inizia con tre Danze rinascimentali, tra le quali un Saltarello di Vincenzo Galilei, zio del più noto Galileo, ma anche lui noto liutista e teorico della musica del suo tempo. Il concerto prosegue con la celeberrima Ciaccona di Bach, opera di intramontabile valore musicale per la perfetta fusione tra complessità strutturale ed efficace fluidità: un occasione unica per ascoltare la versione per chitarra, di ormai così rara esecuzione dal vivo. Termina il primo set con un' altra danza, la vorticosa Rondena, questa volta di origine flamenca. L' autore Eduardo Sainz De La Maza è tra i grandi maestri che hanno tributato un riconoscimento diretto alla carriera di De Angelis, insieme ad Andres Segovia, Alirio Diaz e Leo Brouwer. Nella seconda parte viene affrontata la Grande Sonata di Niccolò Paganini, opera di romantica difficoltà trascendentale, in cui il grande musicista raggiunge il massimo livello formale della sua scrittura, con grande libertà di ispirazione. E' probabile che l' estro di Paganini sulla chitarra sia stato indotto dalla passione per una donna che amava particolarmente questo strumento e che lui cercava attraverso variati Ghiribizzi (altra opera originale per chitarra!) di conquistare. Il concerto si conclude con tre Impromptu di Leonardo De Angelis, opera eseguita negli ultimi due anni sia in Europa che negli Stati Uniti con grande successo di critica e di pubblico. La scrittura di De Angelis risente dei modi antichi come dei moduli minimalisti, è intrisa di una italiana vena melodica, ma è soprattutto tesa ad offrire la sensazione viva della idea e della materia musicale di cui tratta.

Informazioni

Data: Lun 24 Nov 2008

Orario: Alle 19:30

Organizzato da : Ambasciata d'Italia - Istituto Italiano di Cultura Algeri

In collaborazione con : FERROVIE DELLO STATO

Ingresso : Libero


Luogo:

Centre Culturel Aissa MESSAOUDI

195