Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_algeri

L’ARIA SALATA

Data:

28/06/2008


L’ARIA SALATA

II Appuntamento con il Cinema italiano ad Algeri - 26/06 -1/07

Alessandro Angelini

Fabio è un giovane educatore che lavora con passione nel percorso di reinserimento dei detenuti nella società. A volte è costretto a scontrarsi con quanti si aspettano da lui facilitazioni per ottenere permessi premio o l’agognata semilibertà. Fabio, però, non fa sconti e non deroga ai suoi principi anche se questo gli costa molto. Un giorno, un detenuto condannato per omicidio, si siede a colloquio con lui. E’ Sparti, uomo dal carattere difficile, che il carcere ha contribuito ad indurire ulteriormente. L’incontro inaspettato con questo uomo, costringe Fabio a fare i conti con i fantasmi del suo passato familiare rimosso.


L’ARIA SALATA

Alessandro Angelini

ITALIA, 2006, 85’, 35mm, colore

 

Versione originale: Italiano

Sottotitoli: Francese

Sceneggiatura: Alessandro Angelini, Angelo Carbone

Fotografia: Arnaldo Catinari

Montaggio: Massimo Fiocchi

Musiche: Sikitikis

Produzione: Bianca Film, Rai Cinema

Distribuzione: 01 Distribution

World Sales: Pyramide International

Cast: Giorgio Pasotti, Michela Cescon, Giorgio Colangeli, Sergio Solli, Katy Sounders

 

 

Alessandro Angelini: Aiuto regista e autore di documentari (con "ragazzi del Ghana" ha vinto il Torino Film Festival), Alessandro Angelini è al suo primo lungometraggio. Ha fatto volontariato in carcere, e sa che per i detenuti è costante "il pensiero verso i famigliari che, a modo loro, scontano anch'essi la condanna. Questo concetto è stata l'idea di partenza", dice l'autore. Insieme al co-sceneggiatore Angelo Carbone, "per mesi - racconta - abbiamo frequentato educatori, agenti di custodia, ex-detenuti, focalizzando l'attenzione verso gli stati d'animo più che sugli aneddoti della vita in prigione".

 

Premi e selezioni: FESTIVAL DEL CINEMA ITALIANO DI TOKYO 2008; DAVID DI DONATELLO 2007: Migliore Produttore (Donatella Botti), Migliore attore non protagonista (Giorgio Colangeli); KARLOVY VARY INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2007: Focus on New Italian Directors; CINEMA - FESTA INTERNAZIONALE DI ROMA 2006: Premio Miglior Attore (Giorgio Colangeli); The Times BFI London Film Festival 2006: Cinema Europa.

 

LA CRITICA

Un bel debutto italiano, originale, teso, misurato che affronta il privato confronto padri-figli senza isolarsi (…) L' idea, nata dal vivo di un carcere, è venuta al documentarista Alessandro Angelini con la voglia di raccontare la tensione sotterranea, la rabbia che non si sa come e dove incanalare, il dubbio di una civiltà che punisce, non rieduca. La storia del confronto generazionale è narrata con uno stile di cinema non retorico-moralista, quasi invisibile ma pieno di sfumature e sottotesti che due attori bravissimi, Giorgio Colangeli (scoperto e premiato alla Festa di Roma) e Giorgio Pasotti, esprimono con forza di volontà e la rassegnazione a non trovare una soluzione: basta un pezzo di lieto fine. (Il Corriere della Sera - Maurizio Porro)

Informazioni

Data: Sab 28 Giu 2008

Orario: Alle 19:00

Organizzato da : Amb. d'Italia - IIC

In collaborazione con : In collaborazione con (terza lingua)

Ingresso : Libero


Luogo:

Sala Ibn Zeydoun

182